Manifest 1×04, recensione e commento del quarto episodio

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Brevemente

65%
65%
Buono

Unclaimed Baggage è un episodio che non indaga la componente mistery della serie tv, ma che si concentra soprattutto sul vissuto dei protagonisti della serie tv e sui loro drammi personali.

  • Trama
    7
  • Emozioni
    6,5
  • User Ratings (0 Votes)
    0

Una puntata che tralascia il mistero centrale della serie tv e si concentra esclusivamente sulla storia dei protagonisti. Così si potrebbe riassumere l’episodio 1×04 Manifest, un appuntamento che nuovamente ha raccontato i drammi personali di Ben, Michaela, Grace, Olive e Jared, introducendo nella narrazione alcuni dettagli di altri due passeggeri del volo Montego 828.

Recensione Manifest episodio 1×04

Dopo il terzo episodio che aveva mostrato la scoperta scientifica di Saanvi, che potrebbe collegarsi a quanto accaduto ai passeggeri del volo, credevo che la quarta puntata avrebbe rincarato la dose, aggiungendo così ancora più mistero su cosa sia veramente accaduto a tutti coloro che hanno preso quell’aereo. Mi sbagliavo. Anche se abbiamo visto più Saanvi in questo episodio, gli enigmi che circondano i protagonisti non sono stati indagati e non sono stati aggiunti particolari rilevanti sulla componente misteriosa/sovrannaturale del drama targato NBC.

Manifest 1×04, invece, continua a seguire la logica narrativa che è stata impostata nelle precedenti puntate: Ben e/o Michaela, insieme ad un altra persona del volo Montego, seguono le voci, compiono un gesto eroico e riescono a risolvere un caso aiutando così chi si trova in difficoltà.

In Unclaimed Baggage così scopriamo che sul volo era presente Thomas, un passeggero clandestino e amico dell’assistente di volo. Nel presente Thomas si trova in pericolo e sono proprio Saanvi e Michaela che si mettono in azione per salvarlo seguendo la medesima visione: una donna grigia che ricorda una statua.

manifest 1x04 commento

E’ proprio questa allucinazione che permette alle due donne di ritrovare il passeggero clandestino che è scappato dal reparto psichiatrico. Ancora una volta, grazie a questa capacità psichica, i protagonisti riescono a fare giustizia salvando degli innocenti.

Ma nel quarto episodio di Manifest non è presente solo il ‘caso della settimana’, la puntata infatti scava ancora più a fondo nel vissuto dei protagonisti, in particolare sulla relazione tra Ben e Grace.

Non è bastato scovare il passato di Grace e Danny chiuso in una scatola, il povero Ben si ritrova faccia a faccia con l’uomo che è stato accanto alla sua famiglia durante la sua assenza. E, forse, lo incontra per la prima volta nel peggior modo possibile. Olive, bisognosa di aiuto a causa di un piccolo furto commesso in un negozio, invece di chiamare suo padre si rivolge proprio a Danny.

Se in un primo momento forse abbiamo storto il naso scoprendo che Olive abbia sentito la necessità di chiamare Danny e non Ben, poco dopo scopriamo le reali motivazioni del suo gesto e non possiamo fare altro che capirla. Dopo il fatto, Ben e Olive riescono ad avere un dialogo a cuore aperto e finalmente padre e figlia cercano di riprendere in mano il loro rapporto.

Ben si dimostra un uomo molto comprensivo e intelligente e capisce che non può pretendere che Grace e Olive escludano improvvisamente dalle loro vite la persona che si è presa cura di loro quando credevano che lui fosse morto. Dunque, il triangolo Grace, Ben e Danny sicuramente continuerà nei prossimi episodi.

La quarta puntata di Manifest, inoltre, conferma che Jared nutre ancora dei sentimenti per Michaela. La protegge, vuole cercare di aiutarla anche se al momento non è in grado di farlo. Michaela vorrebbe tanto confidargli quanto le sta capitando, ma seguendo anche il consiglio di Ben, la ragazza ancora mantiene il segreto su quello che sta vivendo. Jared, però, ha capito che c’è qualcosa che non va in lei ed è proprio per questo motivo che il detective ha iniziato ad appuntarsi i luoghi in cui Mick ha risolto casi.

La puntata scorre piacevole ed è interessante saperne di più sui protagonisti dello show, ma ammetto che mi sarebbe piaciuto saperne di più sul mistero centrale e non rivedere ancora una volta la questione delle voci/ visioni. Ormai questo lo abbiamo capito tutti, i protagonisti sentono o vedono qualcosa e attraverso questa inspiegabile forza sono spinti a fare del bene, a salvare qualcuno. Ricordiamo, infatti, che fino a questo momento Ben e Mick hanno usato questo ‘potere’ – chiamiamolo così per adesso – per mettere in salvo alcune persone: nel primo episodio sono state salvate due ragazze sequestrate, nel secondo è stato aiutato il figlio di un passeggero del volo accusato ingiustamente di un furto, nel terzo Mick salva la madre della sua amica Evie.

I passeggeri nel volo Montego 828 sono i prescelti per compiere opere di bene? Forse… ma forse no… e a insinuare il dubbio è lo stesso Ben, quando invita sua sorella a non seguire così ciecamente queste voci.

manifest 1x04 recensione

La prossima settimana Manifest metterà al centro dell’attenzione il personaggio di Cal, grande assente del quarto episodio, nell’episodio 1×05 intitolato ‘Connecting Flights’.

Share.

About Author

Blogger, web editor, serial addicted. Email di contatto: info@topserietv.it

Leave A Reply