Star Trek: Picard 1×06, recensione episodio ‘The impossible box’

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Star Trek: Picard 1×06 ‘The impossible box’ mi ha divertito e mi ha lasciato abbastanza soddisfatto, ci sono state cose che mi sono piaciute ed altre che mi sono piaciute un po’ meno.

Che è successo nell’episodio

Star trek puntata 1x06

Picard e il suo equipaggio arrivano all’Artefatto, il cubo borg abbandonato ora sotto il controllo romulano e sede di un progetto di “deborghizzazione” su vasta scala, Maddox infatti prima di essere ucciso dalla Jurati aveva fatt in tempo a dire all’ammiraglio dove si trovava Soji.
Stavolta niente travestimenti o sciarade, Picard è fin troppo conosciuto sia dai romulani che (soprattutto) dagli altri ex-borg, azione di forza non se ne parla, quindi si decide per tentare dalla porta principale in maniera diplomatica, far ottenere a Picard un colloquio col direttore della struttura e vedere poi che succede. Per fortuna di Picard il direttore della struttura è un vecchio amico, l’ex-borg Hugh, noi lo sapevamo già dal terzo episodio. Con l’aiuto di Hugh Picard arriva giusto in tempo per offrire una via di fuga a Soji che sta fuggendo da Narek dopo che questi è finalmente riuscito a carpirle l’informazione che la giovane sintetica custodiva nel suo subconscio e che l’aveva lasciata rinchiusa a morire.

Recensione

Iniziamo dalle note liete, in questa puntata Elnor mi ha divertito e comincio ad affezionarmi al suo “per favore, amici miei, scegliete di vivere” , nella scena in cui percepisce l’imbarazzo tra Rios e la Jurati (i due hanno fatto sesso) e dice che lo sta mettendo a disagio l’ho adorato.
Molto buona anche la scena in cui Raffi riesce ad ottenere le credenziali per Picard durante la chiamata con una vecchia amica della federazione, ho apprezzato un po’ meno il modo di Picard di ringraziarla e renderle merito perché l’applauso l’ho trovato fuori personaggio.

 

Ecco considerato che Raffi ed Elnor nelle precedenti recensioni erano stati oggetto delle mie perplessità direi che cominciare una recensione inserendoli come note liete sia molto positivo e mi insegna a non parlare mai troppo presto, ma del resto recensendo episodio per episodio devo riportare le mie impressioni man mano che maturano e non è inusuale che cambino nel corso degli episodi.

Star Trek 1x06

Devo registrare a distanza di un solo episodio un altro caso in cui i tempi delle vicende sembrano un po’ troppo sincronizzati perché tutte le storyline si sviluppino nella maniera più comoda per la storia senza troppo preoccuparsi che questa scrittura utilitaristica suoni falsa. Nella quinta puntata di Star Trek Picard Maddox aveva fatto appena in tempo a dire a Picard quello che serviva per mandare avanti la sua ricerca e poi era stato tolto di mezzo due minuti dopo perché non serviva più, in questo Narek fa in tempo a carpire a Soji l’informazione che gli serve ma Picard fa appena in tempo subito dopo ad offrire una via di fuga alla ragazza.

Questo preluderà a una nuova gara a chi fa prima? Stavolta verso il pianeta dove la ragazza è stata assemblata?
Altra cosa che non amo troppo è che stanno facendo lo stesso tanto con la Jurati che con Narek. Se la spia romulana fosse destinato a cambiare parte avrei preferito lo facesse subito, travolto dall’amore per Soji, per quanto stucchevole possa suonare, non ho amato che anche in questo episodio gli fanno portare a termine il suo compito, gli fanno tentare di uccidere Soji una volta ottenuto il suo scopo ma ci fanno vedere che lo fa piangendo e che non riesce a guardarla (tra l’altro, brutto codardo, se pensi sia necessario e sia il tuo dovere perlomeno abbi il coraggio di guardarla mentre lo fai, glielo devi).

A questo punto spero che ci mostrino un Narek via via meno tormentato e che quel fosso non lo salti mai e si riavvicini alla sorella, troppo comodo usarlo come cattivo finché serve ma lasciarsi aperta la porta per decidere di utilizzarlo in altro modo.  Per quel che riguarda la Jurati la storia che sta nascendo con Rios mi pare funzionale a un suo prossimo conveniente recupero in campo “buoni”, spero però che le mie paure siano smentite, che tanto Narek che la Jurati a questo punto rimangano personaggi magari tormentati ma che non cambino parte, che rimangano dove sono e soprattutto mi risparmierei una storia sentimentale strappalacrime tra Jurati e Rios. Anche perché se alla Jurati è stato mostrato qualcosa che l’ha reclutata come è possibile che Picard e compagni le facciano cambiare idea? Le fanno vedere qualcosa che lei non ha visto? Ma non dovrebbe essere lei la più intelligente di tutta la compagnia?

Share.

About Author

Autore - info di contatto: roberto.fringie69@gmail.com

Leave A Reply