Z Nation 5×13: recensione di The End of Everything, finale di serie

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Con Z Nation 5×13: The End of Everything si chiude questa lunga cavalcata che nelle prime stagioni ci ha dato tanto divertimento e in queste ultime non riuscivamo ad abbandonare per affetto verso i personaggi, direi quindi che era ora ci lasciassero loro. Malgrado il titolo possa far temere una svolta definitiva ancora peggiore per l’umanità in realtà la serie si chiude (per me non inaspettatamente) con un lieto fine.

Si tratta di un buon finale? Mettiamola così: come episodio non mi ha fatto impazzire, ma nemmeno schifo, per quel che mi aspettavo dall’andazzo di tutta la stagione non mi potevo aspettare un finale granché migliore di così e in quanto alla scelta del lieto fine non mi dispiace affatto, magari sarebbe stata meno scontata se non avessero fatto tutta una stagione sulla propaganda dei valori del politically correct, cosa che se avete letto le precedenti recensioni sapete che non ho apprezzato molto.

Che è successo nel finale di Z Nation

z nation 5 finale serie

Come previsto George pur torturata duramente da Pandora le ha detto solo quanto serviva per far cadere la milizia di Estes in una trappola. Al campo dei talkers trovano solo Doc a fare da esca e 10k appostato come cecchino a cui basta far fuori da debita distanza un paio di uomini che si risvegliano immediatamente come zombie per condannare la milizia.

Ad Altura Estes e Pandora si trovano senza più difese quando arrivano Murphy, Eddie e i talkers, scappano nel cuore della città, l’impianto elettrico dove si scopre perché Estes voleva eliminare i talkers, erano bocche da sfamare col litio indispensabile per l’impianto elettrico che è sostanzialmente un’enorme batteria. Pandora muore dopo un lungo combattimento con George. Estes finisce arrestato. La nuova costituzione di Newmerica viene approvata. Il colpo di scena è il ritorno di Cooper (il tizio della fattoria di inizio stagione) con la scoperta che Warren era morta mentre lui cercava di salvarla e si era risvegliata come un talker speciale (forse per via della black rain ipotizza)  tanto di non accorgersi di esserlo. La serie si chiude con Murphy che consumando il cervello di Sun Mei apprende quello che lei voleva trasmettergli sulla cura del virus.

Recensione

z nation come finisce

Tutto lo svolgimento dell’episodio è ampiamente prevedibile e nemmeno ci provano a farci dubitare che George non fosse crollata e che Estes e Pandora stanno cadendo dritti nella trappola di Warren e George, che George (George come Washington ma al femminile) sarebbe sopravvissuta e destinata ad essere il primo leader di Newmerica era anche quello scontato per via del nome. Per quanto tecnicamente la cosa della grossa batteria per alimentare una città mi sembri una puttanata (ma non sono un ingegnere) l’idea del perché Estes volesse sacrificare i talker non è male, sicuramente che fosse eliminare le “bocche da sfamare” è in linea con la propaganda del politically correct fatta nella stagione ma è meglio che se fosse stato semplice immotivato razzismo.

La svolta su Warren per quanto trash sia che nemmeno si fosse accorta di essere morta e che si siano dovuti inventare dal nulla “un talker ma differente” ad hoc solo per giustificare questo perlomeno è stata una sorpresa e quindi non la critico. Il fatto che abbiano voluto omaggiare l’origine dei personaggi: 10k che torna ad essere il cecchino, Addy a far roteare la mazza, Murphy a controllare i talkers con l’imposizione della mani, l’ho trovata una nota di nostalgia per strizzare l’occhio ai fan fedeli che in un finale di serie ci sta bene.

La cosa che ho apprezzato più di tutte è che la serie si chiuda sul volto del mio personaggio preferito, il più riuscito, quello che per me rimane il principale protagonista dello show, vale a dire Murphy, che l’inizio della fine dell’Apocalisse dovesse essere lui era quanto ci aspettavamo nelle prime due stagioni, ma non potevamo certo aspettarci che sarebbe stato colui che aveva il segreto della cura, lui ne doveva essere solo la fonte. Inoltre hanno reso la scena in cui lui consuma il cervello di Sun Mei quasi intima per quanto assurdo possa sembrare dirlo.
Mi rimane un dubbio: questo è DECISAMENTE un finale di serie, ma allora se gli autori lo sapevano, di che si lamentava il produttore a proposito della cancellazione?

Share.

About Author

Autore - info di contatto: roberto.fringie69@gmail.com

4 commenti

  1. Roberto Todini on

    Kaya nel finale viene un po’ trascurata ma del resto non può essere considerata un personaggio principale, fanno dire a Citizen Z che sta al sicuro, quando CZ si riunisce agli altri che erano preoccupati lui dice che sono usciti appena in tempo dal nascondiglio (ricordi erano nascosti nel vano dietro un distributore mi pare ad hackerare il sistema della città) perché “il senso di ragno di Kaya” non sbaglia mai e dice che ora lei sta con Nana e il bambino al sicuro ed è l’ultima menzione che fanno di lei.

  2. Rispondo alla tua ultima domanda.
    Perché magari…murphy stronzo e megalomane come è…avrebbe potuto sfruttare la conoscenza dell’unico vaccino per creare di nuovo un suo impero, ed ecco TAC la sesta stagione

  3. Roberto Todini on

    mah io non vedo Murphy così, fermo restando che questa è una serie trash fatta per divertire e senza tanti fronzoli, se c’è un personaggio che ha subito un’evoluzione caratteriale è Murphy, quando lo conosciamo è un detenuto (se non ricordo male non per reati violenti, forse per truffa) usato come cavia che prevedibilmente è un essere totalmente egoista, ma poi comincia a dimostrare la capacità di affezionarsi alle persone e diventa il classico falso cinico che quando meno te lo aspetti fa azioni disinteressate, per quel che riguarda l’esperienza di Murphytown per quanto un po’ narcisista (questo sì) lui era sinceramente convinto di stare facendo del bene, che non ci fosse una opzione migliore per l’umanità

Leave A Reply